Al via il primo corso in Toscana di alta specializzazione con contratto di apprendistato - GAMMA

Firenze, 22 gennaio 2021 – E’ iniziato oggi il 4° corso destinato a diplomati con un’età compresa tra i 18 e i 29 anni attivato dalla Fondazione TAB di Firenze  per il biennio 2020-2021.

GAMMA, hospitality management 4.0 è il primo corso in apprendistato attivato in Toscana per la formazione di Tecnici superiori per la gestione di strutture turistico-ricettive che sono stati assunti da aziende toscane del settore con un contratto di alta formazione e ricerca per tutta la durata del percorso formativo (circa 2 anni con 1040 formazione in aula e 960 formazione in azienda), i partecipanti hanno assunto così il doppio “status” di studente e di lavoratore.

Il corso GAMMA, hospitality management 4.0 formerà 20 tecnici superiori, con compiti riguardanti la promozione, il marketing, la definizione dei budget aziendali, la gestione del personale, la definizione del piano della qualità dei servizi offerti, con l’impiego anche di tecnologie atte a raggiungere performance commerciali e manageriali di alto livello. Durante il percorso gli apprendisti saranno seguiti da due tutor formativi: uno dell’azienda e l’altro di TAB, che li supporteranno durante il percorso, monitoreranno il suo andamento, interverranno nella valutazione iniziale, intermedia e finale.

All’avvio del corso sono intervenuti tra gli altri, in modalità online, il Sottosegretario per il Lavoro e le Politiche sociali Francesca Puglisi e l’Assessora Istruzione e Formazione Regione Toscana Alessandra Nardini.

“Le professionalità che formiamo nei nostri corsi sono più attuali che mai – dice Sonia Nebbiai, Presidente della Fondazione TAB -. Riuscire a formare figure altamente specializzate e immediatamente spendibili nelle aziende dei settori turistico, dei beni culturale e della promozione del territorio ci consente di dare una risposta immediata a una parte di tessuto economico che in questi mesi estremamente difficile per tutti,  hanno necessità di idee, competenze e professionalità per rilanciare il territorio.

Nell’ambito del sistema regionale di Istruzione Tecnica Superiore, l’apprendistato rafforza il rapporto tra il sistema educativo e le imprese nella progettualità didattica, innalzando la qualità dei percorsi e favorendo lo scambio virtuoso di sapere e tecnologie nell’orizzonte delle nuove competenze professionali richieste dai processi innovativi dell’Industria 4.0.

Inoltre, l’esperienza di questi anni ci ha mostrano come la maggior parte dei nostri diplomati trovano un impiego immediato, spesso nella stessa azienda dove hanno fatto lo stage. La sfida è ancora più grande, ma è indubbio che i giovani una volta acquisite le competenze necessarie possono fare la differenza nel mondo del lavoro”.

 

Il corso è finanziato con Decreto Dirigenziale Regione Toscana n. 5254 del 01/04/2020, Fondi MLPS (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali), nell’ambito di Giovanisì (www.giovanisi.it), il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

"Credo che mai come in questa fase - ha detto ha detto l’Assessora Istruzione e Formazione Regione Toscana Alessandra Nardini - sia di vitale importanza investire sulla formazione dei giovani per renderli più competitivi sul mercato del lavoro, contrastare la disoccupazione giovanile e, nello stesso tempo, migliorare l'incontro fra domanda e offerta, garantendo alle aziende competenze avanzate, in grado di rispondere alle nuove sfide imposte dalla pandemia in atto. L'impegno della Regione rispetto ai percorsi ITS, nell'ambito del progetto Giovanisì, va in questa direzione. L'avvio del corso in apprendistato di alta formazione e ricerca per hospitality management 4.0 promosso dalla Fondazione Tab, risponde alla necessità di offrire alle realtà turistico-ricettive competenze necessarie per innovare un settore che deve prepararsi a profondi cambiamenti per ripartire nel miglior modo possibile, dopo questo periodo difficile.
Nell’ambito del sistema regionale di Istruzione Tecnica Superiore l’apprendistato coniuga periodi di formazione in aula e periodi di formazione e lavoro in azienda, “on the job”, consentendo così il rafforzamento del rapporto tra il sistema educativo e le imprese nella progettualità didattica, innalzando la qualità dei percorsi e favorendo lo scambio virtuoso di sapere e tecnologie nell’orizzonte delle nuove competenze professionali richieste dai processi innovativi dell’Industria 4.0.
Faccio davvero il mio più grande in bocca al lupo alle ragazze e ai ragazzi che iniziano questo percorso. Come Regione Toscana intendiamo proseguire, con ancora maggiore convinzione, nel nostro impegno su istruzione, formazione e lavoro."

 

Il corso, con venti partecipanti che sono al tempo stesso studenti e lavoratori, "dimostra l'importanza degli ITS - ha aggiunto il Sottosegretario per il Lavoro e le Politiche sociali Francesca Puglisi - quali attori in grado di offrire percorsi di istruzione terziaria professionalizzante efficaci e flessibili rispetto ai fabbisogni di competenze e di innovazione del sistema produttivo. L'apprendistato di alta formazione e ricerca è uno strumento che esalta la vocazione 'duale' di questi percorsi, rafforzando la partnership strategica tra aziende e istituzioni formative, fondamentale in questa fase di crisi pandemica".

 



Indietro